Skip to content

Macelleria Equitalia, dove lo zero ingrassa

by on April 17, 2013

La ferita del caffè

“Io, Rocco, contadino, scarpe grosse e cervello pure, credo che ogni uomo si porti appresso per tutta la vita una famiglia inconsapevole, innominabile. Inconsapevole e innominabile come tutti i suoi componenti sparsi in luoghi che luoghi non sono, sotto piastrelle malferme e vuoti a fendere, nelle sacche gengivali di questa terra che tutto mastica come se niente fosse”

L’inferno è un numero con più zeri di quanti l’uomo riesca a contarne: l’ennesimo zero sputato da una cartelle esattoriale può risucchiare. “Zero, come il cerchio in cui giro vorticosamente. Non come un cavallo all’addestramento, ma come carne equina. Zero, come il corrispettivo di merce venduta”. Allo scoccare dello zero, Equitalia presenta il conto: le spese sono a carico dell’uomo, della vita che ha messo su “graneddhru su graneddhru”. Così lo zero inizia ad ingrassare. Dell’uomo cosa resta, dopo che è stato trasformato in carne da macello, da dar via un pezzo…

View original post 26 more words

Advertisements

From → Uncategorized

Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: