Skip to content

“La guerra democratica” di Massimo Fini vista da…

by on May 13, 2013

ROSEBUD - Arts, Critique, Journalism

9788861902992Michele Marsonet. Può avere un senso il concetto di “guerra democratica”? Esaminando l’andamento dei conflitti armati dopo il crollo dell’Unione Sovietica, e la fine della contrapposizione tra due blocchi di nazioni ideologicamente alternativi, senz’altro sì. Ciò vale, tuttavia, se e solo se si ritiene che la storia trovi in se stessa la propria giustificazione, e che sia in larga misura autonoma dalle decisioni umane. Una visione che, oggi, risulta difficilmente difendibile. La risposta diventa assai più difficile quando invece si cerca di capire il reale significato dell’espressione di cui sopra e la diffusione di guerre combattute in nome della democrazia.

Massimo Fini esamina la questione con lucidità e passione in un bel libro intitolato La guerra democratica, recentemente pubblicato dall’editrice Chiarelettere. In realtà si tratta di una raccolta di saggi e articoli usciti su varie testate, e ora riordinati dall’autore seguendo alcune linee tematiche ben precise.

Impressiona subito…

View original post 1,081 more words

From → Uncategorized

Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: