Skip to content

Le parole e i tabù.

by on June 3, 2013

againstfashion

MODA_331

Brutto, bello?

Qualche mia esternazione riguardo al giornalismo di moda deve aver toccato piccoli nervi scoperti e la cosa -lo confesso- non mi dispiace.  Non amo le polemiche, ma il confronto rispettoso mi stuzzica abbastanza.

Il tema è la presenza nel mio spazio dei termini brutto, bello.  Sembra sia diventato talmente inusuale definire brutta una cosa o una situazione, da dover ogni volta spiegare e contestualizzare l’evento.  Temo che ci siano persone che preferirebbero qualsiasi insulto piuttosto che sentirsi definire brutte, -non dimentichiamoci che ci muoviamo in un girone, quello della moda, che dall’estetica non può prescindere-.

Sarà che sono abituata a frequentare spesso bambini, sarà che occupo molto del mio tempo in azioni pratiche (tagliare, cucire..), sarà che l’esperienza è la fonte primaria dei miei umili insegnamenti (e ho la sensazione che tutto questo suoni un pò troppo normale, per risultare interessante), alla fine se devo scegliere, scelgo…

View original post 147 more words

From → Uncategorized

Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: