Skip to content

Monologo interiore e tempo narrativo nella Coscienza di Zeno

by on June 7, 2013

Tempoliberoletterario

di Giorgio Luti svevo

Una prima osservazione può riguardare la particolare connotazione del “monologo interiore” nell’opera di Italo Svevo. Se conveniamo che a partire dalla Coscienza di Zeno l’opera di Svevo si connota fondamentalmente come un nevrotico agglomerato monologante, come un costante ed ineliminabile flusso diagnostico che non prevede alternative, si dovrà anche constatare l’avvenuto superamento della

coscienza“ambiguità” di tipo pirandelliano; alle spalle è definitivamente lasciata la tecnica  contrappositiva, in quanto è definitivamente risolto il dualismo attore-personaggio che aveva tormentato Pirandello lungo tutto il corso della sua attività. Il “doppio” non esiste più, sostituito com’è dalla perfetta aderenza tra maschera e volto, tra realtà e spazio della coscienza. Ne consegue che il modulo monologante subisca – ed era inevitabile – una profonda trasformazione. Se ne rese conto molti anni fa Giacomo Devoto, quando parlando del rapporto tra indiretto libero e discorso diretto affermava che per Svevo la differenza non esis

View original post 587 more words

Advertisements

From → Uncategorized

Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: